ATTRAVERSO LA SOGLIA

La chiave è in noi
 
PortaleCalendarioIndiceGalleriaFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividi | 
 

 Reiki energia universale

Andare in basso 
AutoreMessaggio
halu
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 81
Età : 47
Data d'iscrizione : 27.02.08

MessaggioTitolo: Reiki energia universale   Gio Feb 28, 2008 6:56 pm

REI - indica la Forza Dinamica che regge tutto l'universo, un potere spirituale, un'energia vibrante al confronto della quale tutte le altre energie diventano insignificanti. È l'Energia vitale che pervade ogni cosa, lo Spirito Santo, il prana, il mana, il chi (ogni cultura o religione lo indica con un nome diverso).
KI - indica l'Energia vitale propria dell'essere umano, che egli assorbe per vivere e può irradiare intorno a lui.
REIKI - indica la connessione tra l'Energia cosmica e quella individuale. Questa connessione, facendo fluire l'Energia vitale, è in grado di donare qualcosa a tutti ed offrire il benessere agli organismi malati, vecchi o debilitati.

Narra la leggenda che Shiva (un dio indù) offri il Reiki all'umanità bambina per aiutarla a vivere in modo sano e gioioso. Diversi millenni fa, nel continente Mu ora scomparso, le tecniche per applicare il Reiki facevano parte dell'educazione di base, così come la lettura e la scrittura.

In seguito, quando gli abitanti di Mu colonizzarono altri paesi, ad es. quelli che conosciamo come India e Tibet, portarono con sé il Reiki ed è per questo che oggi ne possiamo conoscere l'esistenza. Dopo le catastrofi, che causarono la scomparsa di Mu e di Atlantide, l'umanità andò incontro ad un periodo di involuzione ed il Reiki rimase patrimonio di pochi rimanendo così sconosciuto alle masse per molto, molto tempo.

Fu solo nel secolo scorso che venne riscoperto, ad opera del giapponese Mikao Usui che desiderava conoscere il metodo con cui i maestri Gesù e Buddha guarivano gli ammalati. Usui, in un monastero giapponese dedicato al buddismo Zen, trovò alcuni testi in sanscrito che descrivevano i trattamenti terapeutici senza prò approfondirne le modalità pratiche.

Per poter meglio usufruire dalla sua saggezza interiore, e arrivare a conoscere anche quello che nel testo non era scritto, decise da fare tre settimane di meditazione, digiuno e preghiera sul Monte Koriyama in Giappone.

L'ultima mattina, nell'ora più buia poco prima dell'alba, gli apparve sullo schermo della visione spirituale, dapprima un gran luce, poi milioni di bolle con i colori dell'arcobaleno ed infine i simboli Reiki. Sempre in meditazione, concentrandosi su di essi, ricevette le informazioni per attivare l'energia vitale, benefica e salutare.

Lasciato il monte, ebbe la possibilità di sperimentare in prima persona la validità di quanto aveva imparato, guarendo un suo piede infortunato sulla via del ritorno, il mal di denti di una donna che gli servì del cibo e quindi il superiore del convento afflitto da forti dolori reumatici. Usui, avanti negli anni, divenne pellegrino e dedicò la sua vita alla divulgazione del Reiki in Giappone.

Nel 1925 ebbe modo di impartire il training di Master di Reiki a Chujiro Hayashi (non ancora cinquantenne), che, in seguito, divenne il suo successore.

Usui depose il corpo fisico nel 1930, dopo aver preparato diversi Master, si hanno però notizie solo di Hayashi. Questi, fece un gran lavoro di diffusione del Reiki fondando anche una clinica a Tokio.

Fu proprio in questa clinica un giorno arrivò Hawayo Takata, una giapponese delle Hawaii, gravemente ammalata. Assai grande fu il suo entusiasmo quando, dopo alcuni mesi, si ritrovò perfettamente guarita. Decise allora di diventare Master di Reiki e solo tre anni dopo prese la direzione della clinica in quanto anche Hayashi decise di lasciare le spoglie terrene.

Hawayo Takata, all'inizio degli anni '80, fondò l'American Reiki Association, con lo scopo di organizzare e trasmettere le conoscenze lasciate da Mikau Usui.

Oggi, a continuare il discorso della diffusione del Reiki a livello internazionale è suo nipote Phyllis Furomuto (a lei succeduto dopo la sua morte), che ha aperto la via per un'aggiornamento del Reiki, includendo conoscenze ed abilità prese da altre tecniche terapeutiche.

Un'altra sua rivoluzionaria innovazione fu la decisione di permettere ai Master da lui iniziati di iniziare, a loro volta altri Masters. Questa possibilità, oltre a rendere la diffusione del Reiki molto più veloce, offre a molte persone la possibilità di fare una scelta di vita improntata all'amore ed al servizio.

Primo livello:
Con il primo livello, il candidato, restando ad occhi chiusi, riceve le prima 4 attivazioni o iniziazioni. La prima pulisce i canali energetici, la seconda fa scorrere l'energia, la terza riabilita le "memorie della salute" e inizia così un processo di autoguarigione fisica, emotiva e mentale. L'ultima attivazione "fissa" il lavoro fatto in modo che duri nel tempo.

Pertanto, anche se il Reiki non fosse usato per anni, sarà pur sempre disponibile. Per ripristinare il contatto con l'Energia cosmica, perennemente disponibile, sarà sufficiente concentrarsi qualche minuto, con un'opportuna meditazione, e imporre le mani sul proprio corpo o su quello di un'altra creatura vivente.

Dopo aver ricevuto il primo livello, un'individuo può farsi l'autotrattamento (che sarebbe consigliato giornalmente), e mettere a disposizione le sue mani ed il suo cuore, di coloro che sono malati, tesi o spaventati. Se egli imporrà le sue mani su una parte dolente, l'energia vitale inizierà a scorrere, fluendo in quell'area ed anche nei punti più appropriati, essendo dotata di una sua propria e specifica intelligenza.

Secondo livello:
Con il secondo livello, il candidato impara tre simboli che, oltre ad aumentare la sua capacità di incanalare energia vitale, gli permettono di fare trattamenti anche a distanza.

Sempre restando con gli occhi chiusi, il candidato riceve un'iniziazione sulle mani, in questo modo esse diventano energeticamente adatte per disegnare i simboli nell'aria, al fine di potenziare un normale trattamento o farne uno ad una persona distante che non ha potuto contattarlo di persona.

Terzo livello:
Questo livello è riservato a chi vuole diventare Master di Reiki. Per riceverlo è necessario che il candidato sia disposto a seguire un Maestro, partecipare e, se possibile, organizzare dei corsi di Reiki, rivedere la sua vita ed imparare e vivere ogni giorno l'"amore universale" ed il "servizio".

Quando il Maestro realizza che il candidato è pronto gli insegna il profondo significato dei vari simboli, glieli fa sperimentare e quindi gli da l'iniziazione utilizzando il Simbolo del Maestro.

Al di la della parte puramente tecnica, diventare Master vuol dire "aprire il proprio cuore", imparare a non giudicare e superare le aspettative.

Questi sono i primi e necessari passi per cominciare a percorrere il sentiero dell'evoluzione spirituale. Va sottolineato che le varie iniziazioni non conferiscono niente di nuovo, ma mettono in grado il candidato di utilizzare ciò che ha maturato nel corso di questa vita ed in quelle passate.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://attraversolasoglia.forumattivo.com
halu
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 81
Età : 47
Data d'iscrizione : 27.02.08

MessaggioTitolo: La mia esperienza   Gio Feb 28, 2008 6:57 pm

io ho il secondo livello Usui ed il primo Karuna. Diciamo che l'ho scoperto grazie ad un mio carissimo amico che all'epoca viveva a Londra...me ne parlò in maniera positiva ma lì x lì nn gli ho datto molto peso Poi durante una fiera mi sono imbattutta in uno stand di libri...e ne ho visto uno proprio riguardante questo Reiki...chiaramente l'ho subito comprato..ed il destino ha voluto che alla fine del libro c'era il contatto telefonico con l'autore...un master Reiki di Roma...l'ho chiamato...e da lì la mia vita è cambiata radicalmente...principalmente perchè è in quel gruppo di operatori che ho conosciuto quella che è diventata la mia seconda mamma ...nonchè suocera...che ora è ex suocera (vabbè è la vita)...la persona grazie alla quale ho cambiato città...mi ha aiutato a trovare un lavoro che amo...ma che è rimasta sempre al mio fianco...Ma non solo...grazie al Reiki ho sperimentato l'energia...sì perchè io la sento...ora sarà solo un fattore psicologico...però magari sapere che c'è mi da la possibilità di entrare in me in maniera più cosciente. Per molto tempo poi non l'ho più praticato...ma ora ho ripreso e ne sono contenta...in fondo mi mancava (anche se in realtà il Reiki lavora comunque...e per sempre...con consapevolezza o senza ) I love you
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://attraversolasoglia.forumattivo.com
 
Reiki energia universale
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Aiuto - Mio fratello è depresso

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ATTRAVERSO LA SOGLIA :: Esoterismo e Spiritualità :: Corpo di Luce e terapie olistiche-
Vai verso: